domenica 3 luglio 2011

CABALLERO


Ieri sera, durante l'apoteosi del servizio serale in ristorante, con onde di tsunami travestite da turisti affamati che prendevano d'assalto i tavoli liberi, mi è capitato di essere fermato da una coppia di spagnoli mentre, con tre piatti bollenti di fregola in mano, mi dirigevo verso il tavolo estremo della terrazza, quello che si trova ai confini di una dimensione parallela.
Rispondo di aspettare un attimo quando mi chiedono un tavolo per due.
Deposito i piatti di fregola nel tavoli ai confini con la realtà e torno in sala per chiedere a Nosferatu se è possibile far sedere due persone.
Mi risponde che c'è da aspettare 5 minuti.
Torno fuori e avviso i due turisti spagnoli. 
Lungo il tragitto sono stato chiamato dalla cucina con la campanella per portare una grigliata in un altro tavolo, e mentre mi dirigo verso la mia destinazione con pesci, calamari e gamberi, il ragazzo spagnolo mi chiama a voce alta: "Caballero...caballeroooooooo...!"
Mi volto perplesso e lo guardo.
In un italiano stentato mi dice che sarà per un'altra volta.
Non avevano voglia, si vede, di aspettare 5 minuti o avevano così tanta fame da volersi sedere all'istante.
Rispondo che non ci sono problemi e li saluto con un sorriso.

Caballero, lo confesso, ancora mi mancava.
Conoscevo la moto, il giornalino pornografico (lo fanno ancora?) e il personaggio dello spot della Lavazza.
Adesso ci sono anche io.
Inutile dirvi che i colleghi mi hanno sfottuto per tutto il servizio chiamandomi "caballero" per ogni stronzata (tecniche anti-stress per far passare la nottata!)

C.D.

6 commenti:

  1. Cabellerooooooooooooooooooooooooooo :-)

    RispondiElimina
  2. Andrea mi ha rubato la battuta!

    RispondiElimina
  3. Io conoscevo 'solo' la pubblicità del caffé, ora conosco anche te!

    RispondiElimina
  4. Caballero,ti si addice! Soprattutto quello nascosto!IN.FEDE.LE

    RispondiElimina
  5. Questa mi mancava ! Il principe Caballero !! Beso

    RispondiElimina