martedì 15 gennaio 2013

ARMANDO MASCHINI: L'UOMO DELLE FAVOLE


Ho già parlato di Melodia e altre storie in un post dove intervistavo Federica Gnomo, l'editor della Farnesi Editore. Oggi voglio scambiare due parole con il suo autore, Armando Maschini, per conoscerlo meglio.

Ciao, Armando. Com’è iniziato questo 2013?
Ciao, Carlo. L’anno che si è concluso è stato per me una meravigliosa avventura, il nuovo è iniziato splendidamente e sta regalandomi delle belle soddisfazioni.

Con il libro Melodia hai pubblicato le tue favole. Puoi tirare un bilancio del tuo viaggio letterario fino a questo momento e dirci cosa vuoi trasmettere con le tue storie?
Melodia e altre storie,  un sogno finalmente realizzatosi, un percorso ben definito e supportato da una pregevole casa Editrice e da una responsabile editoriale, Federica Gnomo, attenta e coinvolgente.
Con le mie fiabe, ho cercato di trasmettere quella sensibilità che riveste la mia persona. Amo definirmi un alieno tra gli alieni, proprio per le mille sfaccettature che fanno da corollario al mio carattere, al modo con cui guardo il mondo e soprattutto le persone che mi vivono accanto, ma anche quelle che come meteore passano nella mia vita. Avevo un sogno, quello di riportare gli adulti incontro alla fiaba, ci sono riuscito sai? Le centinaia di recensioni e ( mi vergogno nello scriverlo) il grande successo di vendita, sono una evidente magnifica attestazione. La sensibilità esiste ancora, era solo sopita, dormendo un lungo inverno.

Fai molti incontri con i tuoi piccoli lettori. Ci puoi raccontare qualche episodio buffo che ti è capitato in questi mesi?
Incontrare i piccoli lettori è una esperienza entusiasmante. Sono ricchi di curiosità, fanno domande che a volte ti spiazzano, possedendo quella sincerità che spesso manca agli adulti. Episodi buffi ne sono capitati moltissimi. Bambini che ti abbracciano chiedendoti di andare a vivere a casa loro, bambini che guardano il proprio papà e in piena presentazione dicono: “Vedi, tu non mi hai mai letto le fiabe, e neanche sai scrivere.”  Ma anche bambini che ti lasciano basito dicendoti: “Le favole non sono quelle che mi racconta la mia mamma, quando per farmi stare buono promette di regalarmi la play-station e poi non lo fa mai, le fiabe invece sono quelle che racconti tu, perché dicono la verità!”


Cosa ti ispira? Cerchi gli spunti delle tue favole nella realtà quotidiana, o inventi mondi paralleli?
Sono un grande osservatore, ma soprattutto una spugna che assorbe tutto quello che la vita offre. Nelle mie fiabe ci sono mondi veri, messaggi veri, a volte anche situazioni dolorose, come nella fiaba “ Melodia”, dove si racconta uno spaccato di vita vera: la malattia di una bambina di sei anni, la disperazione che in un attimo ruba la serenità , la paura dei genitori. Poi arrivo io, cercando di addolcire con messaggi pregni di magia anche la fiaba- realtà più triste.

C’è ancora spazio per le fiabe?
Si, soprattutto oggi. Là fuori c’è un mondo che corre, dimenticandosi che ogni tanto fa bene fermarsi andando incontro ai ricordi della nostra infanzia, dove vivevano nonne attente e premurose, genitori più presenti, case meno accoglienti ma rivestite di quel tepore che oggi non esiste più. La fiaba è un viaggio a ritroso, un momento di sana riflessione, un incontro con la parte magica della vita, un abbraccio d’amore per i nostri bambini.  

Due o tre cose che ti hanno insegnato i bambini?
I bambini ti insegnano a non mentire, mai. Devi sempre essere te stesso, sederti a terra e parlare con loro, ridere guardandoli negli occhi. Scrutano il tuo volto e come dei vecchi saggi, decidono poi se premiarti. I bambini sono la parte più bella della vita, sono il nostro futuro, un futuro che va protetto con qualsiasi arma a nostra disposizione, perché no? Anche raccontando loro ogni sera, una fiaba!


Stai scrivendo qualcosa di nuovo?
Sì, un romanzo lungo. Una sfida con me stesso, una nuova prossima avventura con Farnesi Editore. Per scaramanzia e tu lo sai bene essendo uno scrittore, meglio non anticipare nulla, però una cosa te la voglio dire: “Non abbandonerò il mio particolare imprinting fiabesco!”

Hai scritto anche un racconto per il libro NON VOGLIO VEDERE VERDE, insieme a tanti autori illustri. Parlaci di questo progetto.
Mamma mia che bella esperienza. Io scrittorucolo, insieme a tutte queste personalità di spicco. La soddisfazione più grande è stata quella di poter partecipare con un mio racconto ad un progetto benefico, per sensibilizzare e fare conoscere ai lettori il famigerato Citomegalovirus che se contratto in gravidanza può arrecare danni importanti al feto. Scrivere un racconto e legarlo ad una ricetta culinaria è stata per me un’idea geniale per fare apprezzare alcuni cibi a bambini inappetenti, e assolutamente contrari a mangiare verdure. Insomma, un’altra bella occasione supportata dal marchio Farnesi Editore.

Le piccole case editrici come la Farnesi…cosa possono fare per gli autori esordienti?
Molto, possono fare molto. Personalmente per esperienza diretta debbo dirti che il mio sodalizio con Farnesi si è rivelato vincente. Attenti, accudenti, professionali. Non mi hanno mai fatto sentire “solo e abbandonato”. Certamente l’esordiente deve scarpinare, dandosi da fare cento volte di più di uno scrittore già conosciuto, con umiltà deve accettare consigli e non pensare mai di essere “arrivato”, anche quando  è riuscito a vendere tanto e quanto uno scrittore, legato ad una media-grande casa editrice. Amo definire Farnesi Editore “la mia seconda famiglia.”

Puoi descriverci la tua giornata tipo?
Alzataccia ad orario semi notturno, avendo scelto di vivere un tantino lontano da Milano. Una lunga percorrenza sulla metropolitana milanese, dove, haimè, osservo tutto e tutti, per giungere poi al mio ufficio, ubicato in una grande struttura ospedaliera. Una giornata colma di impegni e di contatti con i pazienti, occupandomi di Cromoterapia. Attraverso il colore insegno a  coloro che soffrono di emicrania cronica quotidiana a rilassarsi ritrovando un briciolo di serenità, distaccandosi dall’abuso quotidiano di farmaci.
Il colore per il sottoscritto è vita, avendo studiato Storia dell’Arte e per anni insegnato educazione artistica, poi un cambio di direzione ed eccomi qua, pendolare, ospedaliero e scrittore. Poi si torna a casa. Nel mio mondo dove ritrovo la parte  importante della mia esistenza, mia moglie Angela e i miei figli, Jacopo, ventenne studente di Psicologia, e Arianna, dolce bimba di dieci anni che dal papà ha preso tutta la sensibilità esistente sulla faccia della terra.
Poi quando a tarda sera tutto tace, mi ritiro nel mio studiolo e lascio che i pensieri prendano forma, scrivendo!    

Scrivi pensando a un lettore-ideale o ti lasci andare senza troppi limiti?
Carlo, quando scrivo non ho mai in mente a chi potrà piacere un mio racconto, scrivo perché è una necessità atavica, debbo imprimere sulla carta tutte le emozioni che un uomo come il sottoscritto prova quotidianamente. Sono una fucina inesauribile di emozioni e non mi vergogno a dirti che la sera, quando faccio un sunto della giornata, rivedendo volti, riascoltando voci sofferenti, mi viene il magone. Forse sto invecchiando e inesorabilmente torno bambino. Quel bambino che non ha mai smesso di esistere e che mi accomuna ad un eterno Peter Pan. Scrivo sperando di emozionare sempre, che siano il piccolo lettore oppure il nonno piegato in due dalla durezza della vita.


Scrivere è?
Un bisogno primario, come dormire, mangiare, fare all’amore, custodire gelosamente i propri affetti, amicizie. Insomma vivere la vita nella più totale completezza.

Una cosa che speri esista davvero?
Presenze buone accanto ad ognuno di noi. Lievi e carezzevoli presenze pronte a sorreggerci quando smettiamo di credere e di sperare. Sì, lo so, ho visioni utopistiche della vita (detto da qualcuno) ma ne sono strafelice e orgogliosamente convinto!

Un personaggio dei fumetti che vorresti come amico?
Paperino. Brontolone come il sottoscritto, ma con un cuore grande, immenso, sincero!

Il cattivo perfetto?
Colui o colei che provando invidia del successo di un altro, con spietata crudeltà mettono in pratica ogni sorta di cattiveria, privi come sono di insegnamenti e di speciali condivisioni. Sono un alieno te l’ho detto, io faccio festa quando una persona è felice avendo raggiunto un sogno!

Caffè in cialda o moka?
Assolutamente moka, sempre.

Tre libri letti nel 2012 che consiglieresti a chi ti legge?
James Patterson  - La cerimonia – Longanesi
Glen Cooper – L’ultimo giorno -  Editrice Nord
Joyce Carol Oates - La ragazza tatuata  - Mondadori
E aggiungo un quarto:  Armando Maschini - Melodia e altre storie _ Farnesi Editore J

Il tuo essere padre cosa ti ha insegnato?
A comprendere quanto sia bella la vita, se la guardi di riflesso negli occhi dei tuoi figli. A badare a cose più importanti che a stupide lotte di potere, a sperare sempre di riuscire a mantenere integro il tuo personale universo famigliare, a sentirti perfettamente in grado di sconfiggere ogni drago cattivo si presenti sulla tua strada, vivendo sempre come fosse l’ultimo giorno della tua vita.
Mai rimandare a domani ciò che può essere fatto oggi!

Secondo te un gay o una lesbica sono dei potenziali genitori dannosi per i propri figli?
Assolutamente no. La paternità e la maternità non è assoluta prerogativa di una coppia etero. Anzi, guardandoti attorno scopri che esiste più solidità in una famiglia gay piuttosto che in una tradizionale. L’amore nei riguardi di un figlio non si misura attraverso la tendenza –gusto sessuale.
Un bambino ha bisogno di affetto, vero e profondo e se questo gli viene dato da due mamme oppure da due papà, chi se ne frega! Ma ben venga! Meglio due genitori gay innamorati  e attenti, accudenti, che due genitori per la nostra morale bigotta, perfetti, ma che si ammazzano quotidianamente di botte e parolacce, nelle proprie perfette quattro mura domestiche. Carlo, scrivo fiabe ma ho i piedi ben piantati sulla terra!

Hai mai fatto una sorpresa a qualcuno?
A te in primis, accettando la tua meravigliosa intervista , visto che sei un bambinaccio a volte assai discolo, e poi adorando le sorprese, ogni giorno è festa sia a casa che con gli amici.

Se la tua casa brucia cosa salvi?
Mia moglie e i miei figli, il resto si può sempre riacquistare!

Un amico è?
Un profondo conoscitore del tuo animo, a lui confidi ogni più piccola venatura del tuo “essere, sentire”. Un amico è un dono prezioso, va custodito come un gioiello di inestimabile valore.

Il primo bacio…te lo ricordi?
Eccome, fu quello che ci scambiammo a sedici anni io e mia moglie. Quello fu il primo vero bacio d’amore, tutti quelli che l’hanno preceduto erano prove di trasmissione.

Cosa ti auguri di raggiungere nel prossimo futuro?
Mi reputo già tanto fortunato. Il 1 gennaio ho compiuto 50 anni, un traguardo importante che grazie a Dio, oppure ai miei genitori, non dimostro e neppure sento. Anzi, credo che stia per iniziare una nuova entusiasmante avventura, più ricca d’effetti speciali e di maturità in tutti i sensi, e che la scrittura possa non abbandonarmi mai.

La favola preferita?
Potrò apparire banale ma senza ombra di dubbio: MELODIA. In essa vi sono riposte tutte le speranze, quelle più importanti, quelle che auguro ad ogni bambino nel mondo: riuscire a sconfiggere il “ Male” con qualunque forma si presenti.

Guardi la tv e cosa?
Se guardo la televisione prediligo i programmi che parlano di natura e ambiente. Se vado al cinema, film d’animazione e a teatro commedie assolutamente rasserenanti.
Mi stanno antipatiche tutte quelle forme di prosopopea giusto per dire: io sono un acculturato. Avendo magari dormito tutto il tempo!

Se alzi gli occhi e guardi il cielo…cosa vedi?
L’infinito e oltre!

Grazie per questa bellissima intervista.

***
Grazie a te, per la tua disponibilità e la tua simpatia.
Io un bambinaccio discolo? Ma quando mai? 
In realtà sono un angioletto che ha perso la retta via...J

78 commenti:

  1. Grazie ad Armando e a Carlo per la bella e profondissima intervista. Mi è piaciuta tanto come mi piacciono loro due.

    RispondiElimina
  2. Grazie ad Armando per le bellissime e toccanti parole espresse,soprattutto quelle che riguardano la fiaba MELODIA,in modo particolare queste: "in essa vi sono riposte tutte le speranze, quelle più importanti, quelle che auguro ad ogni bambino nel mondo: riuscire a sconfiggere il “ Male” con qualunque forma si presenti.".
    Milena

    RispondiElimina
  3. Grazie a Farnesi Editore per le piccole perle che ci propone.

    RispondiElimina
  4. Vero Milena, Armando ha un dono speciale...direi magico.

    RispondiElimina
  5. Sono davvero felice per questa bella intervista. Domande accurate e colme di attenzione. Ringrazio Carlo Deffenu, amico scrittore al quale auguro ogni sorta di successo personale!
    Grazie a tutti
    Armando

    RispondiElimina
  6. Dici che qualcuno si accorgerà di me? :-) Incrocio le dita. eheheh

    RispondiElimina
  7. Senza la necessità di incrociare pure quelle dei piedi dico: SI, e anche molto presto!
    abbraccio
    Armando

    RispondiElimina
  8. Ehi, stai scalando la classifica dei post più popolari...guarda sulla colonna di destra. :-)

    RispondiElimina
  9. Complimenti per la bella intervista, complimenti per le eleganti e sensibili risposte dell'autore! Complimenti.
    Francesca Amurri

    RispondiElimina
  10. Grazie Francesca...in questo piccolo spazio cerco di raccontare con semplicità autori, storie e piccoli eventi quotidiani. :-)

    RispondiElimina
  11. Bellissima intervista. E' sempre piacevole leggere domande intelligenti e risposte che denotano personalità ricche di sensibilità.
    Blog molto interessante
    Pamela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Pamela, si fa di tutto per essere all'altezza degli autori che ospito con grande piacere.

      Elimina
  12. Mi piace questa intervista, mi piacciono le domande e le risposte.
    Armando Maschini riesce sempre a meravigliare,è davvero un personaggio fiabesco!
    Grazie a tutti
    Michele Cella

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  14. Mi associo: bellissima intervista.

    RispondiElimina
  15. Grazie Niki...quando leggerò il tuo preparati...ti tocca! :-)

    RispondiElimina
  16. Buongiorno e grazie per questa bella intervista. Maschini è stato dall'inizio una speciale rivelazione. Ho letto le sue fiabe e ne sono rimasta infinitamente colpita. Un libro davvero delicato ma importante. Ancora una volta ringrazio Maschini per averci regalato delle emozioni e Uno Sputo di cielo ( Carlo Deffenu )per la maestria con cui ha condotto l'intervista.
    Buongiorno a tutti
    Gennari sara

    RispondiElimina
  17. Che bella intervista, che belle persone si scoprono nel panorama editoriale. Altro che i soliti scrittori pieni di aria. Viva gli esordienti!

    RispondiElimina
  18. Questo sei tu per me, scrittore e amico super sensibile!
    Un profondo conoscitore del tuo animo, a lui confidi ogni più piccola venatura del tuo “essere, sentire”. Un amico è un dono prezioso, va custodito come un gioiello di inestimabile valore.

    RispondiElimina
  19. Enrica Bianchi21 gennaio 2013 10:39

    Deliziosa intervista e deliziosissimo autore. Seguito per lungo tempo e innamorata delle sue fiabe. Grazie a Uno sputo di cielo per questa stupenda opportunità.
    ENRICA

    RispondiElimina
  20. Insomma, Armando, ma guarda un po' cosa tutto non muovi con le tue bellissime fiabe? Anche tanto "amore" è una piccola favola da sfogliare, non trovi? Ringrazio tutti per le belle parole. Un saluto ad Enrica Bianchi (le opportunità ci sono...basta coglierle); Vincenzo...sottoscrivo; Sergio...vero, crediamoci un po' di più begli esordienti; Filo...grande, sì!; Sara Gennari...fa piacere quando una cosa in cui credi arriva al cuore di chi ti legge.

    RispondiElimina
  21. Hey Armandino, non smettere mai di stupirci, mai.
    Sei proprio un eterno Peter Pan, che bella persona sei e noi lettori l'abbiamo compreso da molto tempo.

    Signor Deffenu, grazie.
    Roberta Aselli

    RispondiElimina
  22. Cara Roberta, ti prego...non chiamarmi signore che mi fa sentire un "vecchio trombone"! Io non sono suonare neanche l'ocarina...pensa te. :-)
    Penso che per uno scrittore sia davvero un'immensa gioia essere "sentito"...più che capito.
    Un abbraccio virtuale.

    RispondiElimina
  23. Armando Maschini21 gennaio 2013 11:43

    Sono ancora una volta stupito. Che dire? Grazie di cuore a tutti coloro che mi hanno letto o leggeranno in futuro le mie fiabe e ancora una volta ringrazio Carlo per l'opportunità. E' vero, anche questa intervista è una bella Fiaba da sfogliare con tutti i lettori del blog e con gli amici che mi vogliono bene!
    Grazie a tutti, davvero di e con il cuore
    Armando

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi semina bene...di solito...raccoglie frutti profumati e carnosi...:-)

      Elimina
  24. Sono un lupo un pò diverso, sono bonino e non mangio nessuno, infatti sono assolutamente vegetariano...... una volta però ero carnivoro al 100 x 100 ma l'autore Maschini con le sue favole mi ha fatto cambiare idea. Ora aiuto le vecchiette a cucinare per le nipotine di rosso vestite, ricostruisco le casette dei maialini, prima distrutte dal mio soffio potente, insomma devo solo dire grazie ad Armando Maschini, Farnesi editore, Gnomo Federica e Carlo Deffenu. PS: IO ORA PERDO IL PELO e PURE I VIZIACCI BRUTTI... viva le favole ricche di sentimento!!!!!
    Un ex lupo ma che di nome fa davvero ALBERTO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Ex Lupo Cattivo...sei riuscito a farmi sorridere con la leggere follia della tua confessione. Benvenuto tra i buoni. :)

      Elimina
  25. Bellissimo l'intervento di Lupo ALBERTO. Ancora una volta il nostro Armando ha fatto colpo con le proprie fiabe. I cattivi diventano buoni!
    Ciao ciao ciao Lupo Alberto ( che bello tornare bambini e scherzare con gioia)
    Ciao a tutti
    Milly

    RispondiElimina
  26. Eccolo nuovamente, in splendida forma, sempre dolce ed accattivante il nostro Armando. Bello navigare in internet e trovarti sempre in prima linea con interviste oppure con speciali menzioni. Complimenti rinnovati a te che li meriti tutti!
    Bravo, Carlo Deffenu
    Riccardo

    RispondiElimina
  27. Buona serata, Carlo Deffenu
    Ciao Armando
    baci

    RispondiElimina
  28. Hola Milena. Io stasera cena con amici. Ravioli e carne. :-)

    RispondiElimina
  29. Una deliziosa intervista. Un grande complimento all'autore e alla sua melodia

    RispondiElimina
  30. GRAN BELLA INTERVISTA, BLOG INTERESSANTE. COMPLIMENTI A TUTTI VOI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Daniela, si fa il possibile per portare a casa un bel risultato :-) Torna a trovarci.

      Elimina
  31. Aselli Vittorio22 gennaio 2013 13:12

    Ringrazio il blog " Uno sputo di cielo" per questa bella intervista che mi ha fatto conoscere l'autore Maschini Armando in modo più profondo. Desidero condividere quello che ha scritto l'autore, riguardo l'amore omosessuale e la paternità-maternità. Dolci parole e un pensiero profondo.
    aselli

    RispondiElimina
  32. Grazie Vittorio, avere degli amici lettori sensibili come te, non può che renderci orgogliosi. Seguendo l'esempio di un signore chiamato Obama...l'amore è amore.

    RispondiElimina
  33. Infatti l'amore è amore e non deve conoscere limiti o barriere.
    L'amore è il motore che fa andare avanti la nostra vita. viva l'amore che sia bianco oppure colorato, maschio o femmina, giovane oppure vecchio.
    Bacio al mio autore preferito ( Ciao Armando)
    Buon giorno Signor Carlo :)))))

    RispondiElimina
  34. Grazie Pamela per il Signor Carlo...mi fa sentire un po' trombone...ma questo forse l'ho già detto, mi sa :-)

    RispondiElimina
  35. Annarita Corradetti23 gennaio 2013 09:53

    Che meraviglia ritrovare il mio grande amico Armando in questa nuova intervista.
    Che dirti? Sei davvero speciale, sei talmente vero e pulito che a volte si fatica a crederti, ma noi Corradetti che ti conosciamo da venti anni e forse piu', sappiamo davvero che oltre ad essere un dolcissimo uomo ora sei uno scrittore amato.
    ti voglio bene, Armando, amico mio
    Annarita, Ascoli Piceno

    RispondiElimina
  36. Eh, no! Qua siamo arrivati a livelli ormai irraggiungibili. Adesso i fans si autodefiniscono CORRADETTI? :-) Ma cosa dirà Renato Zero con i suoi Sorcini? Cara Annarita, mi hai spalancato un universo...qua inauguro il nome dei miei improbabili fans...i CARLETTI! :-)
    A parte gli scherzi...ho sempre pensato che Corrado è un uomo così perfetto...che mi servirebbe una revisione per mettermi alla pari. :-) Un abbraccio e viva le favole.

    RispondiElimina
  37. Annarita Corradetti23 gennaio 2013 11:23

    Corradetti è un cognome tipicamente Marchigiano.
    Armando è davvero un grande amico, mio e di tutta la nostra grande famiglia. L'abbiamo conosciuto, quando appena 18enne, venne al mare a San Benedetto del Tronto e fece amicizia con tutta la nostra compagnia in spiaggia!
    Ne sono passati di anni, Carlo Deffenu, ma Armando è rimasto tale e quale!
    Annarita

    RispondiElimina
  38. Ahahah...scusa Annarita...ma dal tuo commento non avevo capito che si trattasse di un cognome reale...pensavo che il tuo fosse un post giocoso. Però l'idea mi piace...:-)
    E secondo me anche ad Armando.
    Lo stimo anche io e infatti gli ho dedicato una bella intervista.
    Un abbraccio. :-)
    E scusa ancora...sono scemo...

    RispondiElimina
  39. Armando Maschini23 gennaio 2013 14:00

    ahahahahahahah che bello leggere questi interventi.
    Ciaooooooooooo Annarita che piacere trovarti sul blog di Carlo!
    Questa sera ti chiamo! ( Scusa Carlo se mi sto appropriando indebitamente del tuo blog :-)))
    Un grazie a tutti, ma proprio a tutti.
    PS: Carlettino, non sei scemo, ma una BIRBA simpatica!
    Grazie e a presto

    RispondiElimina
  40. Ma figurati...mi fa solo piacere se uno spazio vive e palpita. :-)

    RispondiElimina
  41. Ciao Armando, è dai tempi di Itodei che ti seguo e mi fa piacere scoprire che la tua Melodia abbia cosi' tanto successo. Continua cosi' e regalaci sempre le tue meravigliose fiabe.
    Con affetto
    Karin Lunardi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ritorna sempre sul luogo del "delitto"! :-) Benvenuta karin.

      Elimina
  42. Luigina Cabiati24 gennaio 2013 09:52

    Grazie per questa delicata intervista, delicata e deliziosa.
    Blog davvero ben fatto, complimenti a Carlo Deffenu e naturalmente all'autore maschini

    RispondiElimina
  43. Grazie, Luigina...mi fa piacere quando il mio impegno arriva a un bel risultato. :-)

    RispondiElimina
  44. Buongiorno a tutti voi. Ho letto con piacere questa intervista ben strutturta. Questo autore è piacevolissimo e molto sensibile quindi ancora di piu' apprezzabile. Mi piacciono le interviste ben fatte, ma sopratutto scoprire che esistono persone come il Maschini, capaci di regalare molta serenità.
    un caro saluto
    Magnani Renata

    RispondiElimina
  45. Ciao Renata, grazie per le tue belle parole...:)

    RispondiElimina
  46. Peccato che questo blog cosi' ben fatto abbia un nome un tantino fuori luogo: uno sputo di cielo! Non sarebbe stato meglio uno SPICCHIO?
    Comunque nulla da dire per quanto riguarda le interviste e le recensioni, si capisce che c'è anima dietro ogni notizia postata.
    NB: bella intervista quella di Maschini Arnaldo, bravo autore

    RispondiElimina
  47. Caro lettore anonimo, grazie per i complimenti. Il titolo del blog, decisamente strano, per me, non è fuori luogo...rispecchia il mio modo di vedere la realtà...il mio modo di ironizzare sulla realtà...il cielo, immenso com'è, non può essere uno sputo; a volte si vede solo uno spicchio di celeste dalle nostre finestre e a volte...quello spicchio...sembra uno sputo per quanto è grigio e opaco. Ma sempre cielo rimane...non trovi?
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  48. Una meravigliosa intervista, accurata e resa speciale dalle risposte di Armando Maschini.
    Ho letto Melodia e altre storie, ne sono rimasta entusiasta e commossa. Scrivere fiabe non è semplice, da lettrice penso che sia davvero difficile. Doppi complimenti, anzi tripli complimenti a questo autore così speciale che ha reso dolcissimo questo ultimo natale ai miei amici ai quali ho regalato il suo speciale spartito d'amore. Grazie a tutti e grazie sopratutto a Maschini.
    Susanna Imperiale, Carrara

    RispondiElimina
  49. Ciao Susanna, anche io penso che scrivere belle favole sia complicatissimo. Tanto di cappello alla maestria e all'umanità di Maschini :-)

    RispondiElimina
  50. Paolo lamberti28 gennaio 2013 13:24

    Sono proprio contento di leggere ancora una volta una bella intervista.
    Concordo con quanto detto da Susanna, scrivere fiabe e scriverle bene non è facile. Maschini c'è riuscito, ma non è una novità avendolo seguito per lungo tempo sulle pagine on-line di itodei.
    Un abbraccio fraterno
    paolo

    RispondiElimina
  51. Un abbraccio anche a Carlo Deffenu

    RispondiElimina
  52. Ciao Paolo, sì, come ho già detto in un commento precedente...scrivere favole è molto complesso...Armando si ha ritagliato un suo spazio e devo dire che fa davvero piacere scoprire con quanto amore lo seguite.
    Un abbraccio anche a te.

    RispondiElimina
  53. P.S.- ho scritto una favola anche io...

    RispondiElimina
  54. Piacere, piacere e ancora piacere leggere queste belle parole.
    Amo lo scrittore Maschini (ero presenta alla presentazione a Milano c/o la libreria il Macinapepe), una serata all'insegna dell'umanità assoluta, della fiaba e della poesia. Maschini merita davvero il successo ottenuto, sopratutto perchè è una persona semplice e sincera e scrive bene.
    auguro a lui, a tutti un mondo di successi editoriali.
    Stella

    RispondiElimina
  55. Come dire...una BUONA STELLA per tutti :-) Mai nome fu più giusto per augurare bene e amore. Grazie.

    RispondiElimina
  56. Ed il nostro Armando ci regala ancora belle parole.
    Grande amico, grande uomo e bravissimo scrittore. Non vedo l'ora di leggere altre tue particolari fiabe!
    Bacio
    Ilary

    RispondiElimina
  57. Ciao Ilaria...come hai letto...c'è qualcosa che lievita nel forno della fantasia :-)

    RispondiElimina
  58. GIOVANNI SCALISI31 gennaio 2013 16:38

    Noi lettori di Galatina in provincia di Lecce, siamo contenti di leggere altre interviste ad Armando Maschini, la sua Melodia e altre storie è stato il regalo piu' bello che abbiamo fatto agli amici, parenti e figli.
    Bella questa intervista e bello anche il blog
    Cordiali saluti
    Scalisi Giovanni

    RispondiElimina
  59. Grazie Giovanni...poi la Puglia è nei nostri cuori. :-)

    RispondiElimina
  60. Intervista interessante, molto ben costruita e l'autore Maschini rimane sempre una grande bella persona.
    Marco

    RispondiElimina
  61. Ciao,Armando..... speciale scrittore.
    E' molto bello ritrovarti in questa intervista, continua cosi' ti vogliamo bene.
    Grazie al Blog.
    Nadia da Como

    RispondiElimina
  62. Grande persona, grande amico! grazie per questa bella intervista e grazie a questo blog.
    PS: ma lo dobbiamo scoprire da soli che continui a mietere successi, uomo dei sogni?
    TVB
    Mirella

    RispondiElimina
  63. Ciao Mirella...e come lo hai scoperto? Raccontaci un po' che siamo curiosi? Google? :-)

    RispondiElimina
  64. Mirella carella6 febbraio 2013 09:40

    Un semplice passa parola. Io non ho una pagina in FB e amici comuni mi hanno detto che c'era questa intervista.
    Basta digitare Armando maschini in Google e si scoprono mille novità su Melodia e altre storie.
    Comunque ribadisco, bella intervista e ben fatto blog.
    Ciao, Armando

    RispondiElimina
  65. Grazie Mirella...favoloso il mondo infinito del web. :-)

    RispondiElimina
  66. Francesca Grillo20 febbraio 2013 08:58

    Bella intervista. Un abbraccio grande all'uomo delle favole!

    RispondiElimina
  67. Grazie Francesca... il tuo cognome, di questi tempi, è sulla bocca di tutti. :-)

    RispondiElimina