sabato 24 novembre 2012

POMODORI SULL'ORLO DI UNA CRISI DI NERVI

 
I gay mangiano o cucinano diversamente? Naturalmente no, ma proprio da questo paradosso nasce l'idea di questo libro, il primo manuale gay che spiega come cucinare qualcosa di decente al proprio fidanzato, alla mamma di lui, alla vostra, agli amici che vi trovate in casa. Alessandro Fullin, da anni chef teatrale e letterario ironico e pungente, si allea con l'esperto di padelle Stefano Chiara (che gli chiede 1000 euro per l'impresa!) per realizzare questo prezioso ricettario, con piatti assolutamente sperimentali, ma riletti in chiave camp e surreale. Bastano alcuni titoli per capire a quali vette può arrivare la cucina gay italiana: Coscette di pollo alla Kessler, Dieta Garbo, Banana Soraya, Invidia di piselli...E per non perdersi tra un Tacchino in foulard e una Faraona D'Egitto, un utile indice per distinguere un Piatto della Mamma da Uno per sedurre Lui, senza dimenticare i cocktail e una preziosa appendice con la ricetta dei biscotti per il chihuahua. Un nuovo modo quindi per trovarsi a tavola insieme a persone di ogni razza e sesso, gay, etero e metrosexual: che sia questo il prossimo traguardo della cucina "fusion"?
 
Questo è quello che si legge nel risvolto di copertina del libro-ricettario-manuale di comportamento di Alessandro Fullin, attore esilarante e strabordante conosciuto grazie al programma Zelig. La presentazone di POMODORI SULL'ORLO DI UN CRISI DI NERVI - LA VERA CUCINA GAY ITALIANA, tenutasi al cirolo Borderline a Sassari, è stata seguita da un pubblico attento e divertito. Era impossibile non ridere delle infinite variazioni sul tema lanciate con garbo da Fullin. Dal gay che prepara il formaggio in una casa di 45 mq per cucinare le formagelle (se ne avesse una di 55 mq cosa farebbe? Il parmigiano reggiano?) alla coppia che adotta un chihuahua per sentirsi più "famiglia" (esilarante l'anedotto vero che riguarda l'illustratore del volume che adotta con il compagno una cagnetta che viene investita dopo due giorni...la versione di Fullin è che il cane, rendendosi conto di avere una vita davanti con due gay super affettuosi, decide di non potercela fare e si butta sotto il primo parafango! P.S.- la cagnetta in questione si è salvata!).
Fullin lo ha dichiarato apertamente: io non so cucinare. Ho un microonde dove infilo di tutto...una trota e lascio che si mumifichi. Ma questo poco importa: il gioco è chiaro. Ironizzare sui vizi, i tic e le passioni della comunità gay. C'è anche una sezione dedicata agli amici etero con ricette adatte per loro, tra cui, Conigliette alla Tex Willer e John Wayne di zucchine.
La veste grafica del libro è molto simpatica e intrigante. I disegni di Giovanni Battistini sono ironici e perfetti per il climax del testo. Le ricette folli...la voglia di prendersi in giro...tanta.
Se leggendolo riderò anche solo la metà di quello che ho riso durante la presentazione, i miei 14,90 euro saranno spesi bene.
 
 
Io e Alessandro.
 
E qui la copertina del libro.
 
 
Cairo Editore
 
 
Alessandro Fullin con Stefano Chiara (lo chef).
 
 
Illustrazione di Giovanni Battistini (Lady Star?)
 
 
Copertina: 8
Stile: 10
Commestibilità: da verificare!

4 commenti:

  1. Ho sentito qualche intervista alla radio di Fullin su questo libro e mi fa scompisciare dalle risate! :) Soprattutto il fatto che non sappia cucinare e che si è fatto dare le ricette dallo chef! :D

    RispondiElimina
  2. Hai ragione, un personaggio davvero simpatico e imprevedibile. Peccato non poter riportare tutte le battute della presentazione...alcune davvero esilaranti. :-)
    E anche gentilissimo: questa mattina mi ha scritto per ringraziarmi e dirmi che ha gradito il mio articolo. Non è da tutti...credimi.

    RispondiElimina
  3. Grazie del consiglio, mi hai incuriosito

    RispondiElimina
  4. Ciao Federica, per te, amante della buona cucina, come dire...c'è un motivo in più! :-)

    RispondiElimina