giovedì 27 marzo 2014

CAREZZE IMPOSSIBILI


Ormai è da un po' di tempo che mi chiedo se questo blog abbia ancora un senso. Rispetto al passato scrivo molto meno - qualcuno urlerà in coro: E MENO MALE! - e cerco di capire dove voglio andare a parare con un progetto che è nato quasi per gioco e lentamente si è trasformato in un blob non meglio identificato. 
In fondo non è uno spazio di critica letteraria - le mie recensioni seguono l'umore di un lettore onnivoro e spesso bulimico - e non è strettamente neanche la pagina di un autore. Con un solo libro pubblicato di cosa vogliamo parlare? 
Finita l'onda delle presentazioni, la sorpresa e l'eccitazione di amici e parenti, le telefonate di librai e organizzazioni culturali, posso solo parlare della delusione del dopo... delle cose che non funzionano... dei tasselli che non s'incastrano come vorresti nella tua mente iperattiva. 
Non è un diario personale nel senso stretto del termine: scrivo di me, ma lo faccio senza scendere mai troppo sul personale, rimanendo sempre mezzo metro dal suolo... rasoterra. Non è neanche un blog di critica sociale, non è una vetrina sulla moda, uno specchio sul mondo della TV, un occhio aperto sul cinema, un quaderno dove infilare racconti e disegni... parlo di tutto e lo faccio senza impostare uno schema prestabilito. 
Per questo e altri mille motivi mi chiedo cosa cerchino qui dentro le anime buone che ci passano o ci inciampano per puro caso, quelle che ci arrivano per collegamenti insondabili.
C'è il lavoro in ristorante... il progetto del carcere... il sogno di venire letto e capito... le bottiglie abbandonate alla generosità della corrente... le risposte che non arrivano... la testardaggine... la rabbia e la voglia di farvi vedere chi sono... c'è tutto e il contrario di tutto.
Mi bruciano le mani... vorrei prendere a pugni il mondo.

Tutti in cerca di carezze impossibili.

14 commenti:

  1. Cosa cerco io? Quello che hai voglia di raccontare. Sei una persona interessante e quando parli ti ascolto volentieri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dice la stessa cosa il mio strizzacervelli tutte le volte che pago la parcella. :)

      Elimina
    2. :) qui ti costa solo la fatica dello scrivere...

      Elimina
  2. Risposte
    1. Fammi sentire che esisti... ne abbiamo di momenti tristi...

      Elimina
  3. Carlo continua! Anzi, scrivi piu spesso che ogni volta è sempre più interessante leggerti. Dai su con la vita! :-D

    RispondiElimina
  4. Para mí eres imprescindible cada mañana!
    Besos, Chus :))

    RispondiElimina